loading...

Il 16 novembre, in una conferenza stampa del Dipartimento di Stato, il portavoce del dipartimentoJohn Kirby ha avuto uno dei suoi frequenti scambi con Gayane Chichakyan, un reporter di RT (Russia Today); questa volta per quanto riguarda l’accusa degli Stati Uniti alla Russia di bombardare gli ospedali in Siria e bloccare la consegna degli aiuti delle Nazioni Unite  alla popolazione intrappolata.


Quando Chichakyan ha chiesto qualche dettaglio su queste accuse, Kirby ha risposto: “Perché non chiedi al tuo ministero della difesa?”

loading...

GC:  Può dare qualche informazione specifica su quando la Russia o il governo siriano hanno bloccato  consegha gli aiuti? Basta qualsiasi informazione specifica.

KIRBY: Non c’è stato alcun aiuto consegnato nell’ultimo mese.

GC: E crede che siano stati bloccati esclusivamente dalla Russia e il governo siriano?

KIRBY: Non c’è alcun dubbio nella nostra mente che l’ostruzione venga dal regime e dalla Russia. Nessun dubbio..

Matthew Lee (Associated Press): Mi lasci dire: La prego di essere attento nel dire “il tuo ministro della difesa” e cose del genere. Voglio dire, lei è un giornalista, proprio come il resto di noi –  sta facendo domanda pertinente –

KIRBY: Di un media di proprietà di stato-

Lee: Ma non sono –

KIRBY: Di un media di proprietà dello Stato, Matt.

Lee: Ma non sono –

KIRBY: Di un media di proprietà dello Stato che non è indipendente.

Lee: Le domande che lei sta ponendo non sono fuori linea.

KIRBY: Non ho detto che le domande erano fuori linea …

KIRBY: Mi dispiace, ma io non ho intenzione di mettere Russia Today sullo stesso piano con il resto di voi che state rappresentando media indipendenti.

Bisogna chiedersi se il portavoce del Dipartimento di Stato Kirby sa che nel 2011 il Segretario di Stato Hillary Clinton, parlando di RT,  ha dichiarato : “I russi hanno aperto una rete in lingua inglese. L’ho visto in alcuni paesi, ed è abbastanza istruttiva. ”

Come si comporta Kirby con i giornalisti della BBC, una televisione e radio di proprietà dello Stato del Regno Unito, trasmessa negli Stati iti e in tutto il mondo.

O la statale Australian Broadcasting Corporation , descritta da Wikipedia  come “la principale società pubblica di diffusione radio-televisiva australiana, interamente finanziata dal Governo Federale (l’altra è la SBS)”

Ci sono anche Radio Free Europe, Radio Free Asia, Radio Liberty (Central / Eastern Europe), e Radio Marti (Cuba); tutte di proprietà statale (Usa), nessuna “indipendente”, ma tutte considerate abbastanza degne da parte degli Stati Uniti per “informare” il mondo.

E non dimentichiamo ciò che gli americani hanno in casa: PBS (Public Broadcasting Service), e NPR (National Public Radio), nessuna in grado si sopravvivere senza grandi sovvenzioni del governo federale. Quanto indipendenti possono mai essere? C’è mai stata un’emittente inequivocabilmente contraria ad una moderna guerra americana? C’è una buona ragione se NPR è nota da tempo come National Pentagono Radio. Ma fa parte dell’ideologia dei media americani far finta di non avere alcuna ideologia.

Per quanto riguarda i media americani non statali…Ci sono circa 1.400 quotidiani negli Stati Uniti. Si può fare il nome di un singolo giornale, o una singola rete televisiva, che si è  inequivocabilmente opposta alle guerre americane contro Libia, Iraq, Afghanistan, Jugoslavia, Panama, Grenada, e Vietnam, mentre accadevano, o poco dopo? O che si è opposta  ad almeno due di questi sette guerre? O ad una?

Nel 1968, sei anni dall’inizio della guerra in Vietnam, il Boston Globe (18 febbraio 1968) ha passato in rassegna le posizioni editoriali di 39 importanti giornali riguardanti la guerra degli Stati Uniti e ha scoperto che “nessuno sosteneva un ritirp.” La frase “invasione del Vietnam” è mai apparsoanei media mainstream statunitensi?

Nel 2003, la MSNBC ha silenziato il tanto ammirato Phil Donahue  a causa della sua opposizione alle richieste di guerra in Iraq. Kirby avrebbe senza dubbio definito MSNBC “indipendente”.

Il 25 novembre, il Washington Post ha pubblicato un articolo dal titolo: ““Research ties ‘fake news’ to Russia”  tutto concentrato su come fonti in Russia stanno inondando i media americani e Internet con le storie fasulle progettate come” parte di una strategia ampiamente efficace per seminare la sfiducia nella democrazia degli Stati Uniti e dei suoi leader. ”

“La sofisticazione delle tattiche russi”, dice l’articolo, “potrebbe complicare gli sforzi di Facebook e Google per reprimere le ‘notizie false’.”

La storia è semplicemente piena di riferimenti anti-russi

Si deve notare che l’articolo del Washington Post non riesce a fornire un solo esempio che mostra come uno specifico evento è stato riscritto o falsato da una agenzia russa per produrre una notizia con un messaggio politico contrario.

Che c’è dietro questa sfacciata propaganda anti-russa? Nella nuova guerra fredda una domanda del genere non richiede alcuna risposta. La nuova guerra fredda, per definizione, esiste per screditare la Russia semplicemente perché si trova nella posizione di dominare il mondo americano . Nella nuova guerra fredda, lo spettro politico nei media mainstream spazia da A a B.

loading...