loading...

Leftist Critic, Oriental Review 16 febbraio 2017

Nei giorni scorsi la politica statunitense sembrava un film di Hollywood, tranne che è vera ed ha conseguenze reali. Dopo che il Generale Mike Flynn è stato estromesso dall’incarico nella Sicurezza Nazionale per aver osato parlare con i russi, eventualmente delle sanzioni, ma anche forse delle tensioni russofobe che politici e media compiacenti hanno acuito. Una domanda a cui rispondere è quanto sia “pro-Russia” l’amministrazione Trump?
Nell’ultima campagna presidenziale negli Stati Uniti, Hillary Clinton e lacchè accusarono Trump di essere un “burattino di Putin”. Va ricordato che Clinton fece tali accuse già nel 2014, sostenendo che ci fossero “gruppi ambientalisti falsi… finanziati dai russi” che si opponevano al fracking, una pretesa avanzata dall’industria petrolifera e gasifera. Non c’è dubbio che durante la campagna, Trump avesse un tono più moderato nei confronti della Russia dei dirigenti democratici o repubblicani che gridano all’”impeachment” oggi, mentre certi democratici plaudono allo “scandalo” che l’amministrazione Trump affronta. Mentre Tillerson e Dunford s’incontrano con i loro omologhi russi, poco è cambiato da Obama. L’amministrazione Trump ha dichiarato, attraverso Nikki Haley e Sean Spicer, che la Russia deve “restituire” la Crimea all’Ucraina e ridurre le violenze nel Paese, per rimuovere le sanzioni. I russi hanno giustamente respinto ciò come ridicolo. Se Trump fosse davvero “pro-Russia” avrebbe rimosso le truppe statunitense alle frontiere della Russia e aumentato gli sforzi per rimuovere le sanzioni. È chiaro, le stesse politiche di Obama sulla Russia sono proseguite sotto Trump. La dirigenza della sicurezza nazionale, spesso chiamata “comunità d’intelligence”, è supportata direttamente i democratici russofobi a cui giurano fedeltà e che sostengono che ciò che gli spettri dicono è vero al 100%. Chiaramente, non ricordano la loro storia e collegano Trump alla Russia con nuova “teoria della cospirazione” liberal, screditando tutti i democratici. Costoro, insieme ai repubblicani russofobi, hanno presentato un disegno di legge al Congresso che propone la revisione dei possibili tentativi dell’amministrazione Trump di alleggerire le sanzioni alla Russia, dichiarando che l’amministrazione “insabbia”, e chiedendo un’indagine per “scoprire” i collegamenti russi della nuova amministrazione, che potrebbero anche non esserci. Anche i media di regime usano la “minaccia della Russia”, spacciando la pretesa della “magica nave spia russa” a largo del Connecticut, mentre si giravano i pollici su “ciò che succedeva” nella telefonata tra il generale Flynn e l’ambasciatore russo negli Stati Uniti. Altri media sono più percettivi. Chicago Tribune e The Atlantic riportavano che l’estromissione di Trump è una vittoria dello “Stato profondo”, come più precisamente va chiamata l’istituzione della sicurezza nazionale. Anche l’arciconservatore National Review ha chiesto che la conversazione di Flynn, registrata da FBI e NSA, sia resa pubblica.
Prendendo tutto ciò in considerazione, ogni giorno c’è sempre meno possibilità che Trump riduca le tensioni con la Russia. L’”establishment golpista” che caccia Flynn è spinta dalla stessa macchina spionistica che egli stesso ha contribuito a creare, autorizzando Trump ad incolparla direttamente delle conseguenze. A parte gli argomenti che servono alla “sinistra”, delle critiche significative di Trump e che Flynn avesse tendenze “cospirazioniste”, le dimissioni di Flynn probabilmente avranno effetti negativi sulla possibile “distensione russa” dell’amministrazione Trump. Alcuni possono rispondere notando che Trump ha un tono “positivo” verso Putin da quando è in carica. Potrebbero esclamare che Trump, nell’intervista con Bill O’Reilly, quando ha detto che Putin è ragionevole “glossando” sull’idea che fosse un “killer” dicendo che l’impero ha commesso degli errori, dimostrasse “fedeltà” ai russi. È completamente senza senso. L’amministrazione Trump ha aspre posizioni anti-Iran e pro-Israele, danneggiando profondamente gli interessi russi. Questa posizione potrebbe anche portare alla guerra con l’Iran, nonostante la cacciata di Flynn sia una buona notizia per l’Iran, dato che era esplicito nel condannare gli atti “terroristici” del governo iraniano. Il vero terrorismo sono le decine di migliaia di bombe sganciate dagli Stati Uniti su Libia, Somalia, Iraq, Siria, Yemen, Afghanistan e Pakistan l’anno scorso, insieme alle forze speciali nel 70% delle regioni del mondo, persone che Trump chiama “guerrieri leggendari” che combattono in luoghi lontani contro gli “islamisti radicali”. A credito dell’Iran, resiste all’aggressività dell’amministrazione Trump, deridendola come fuori luogo.
Indipendentemente dal motivo per cui Flynn è stato licenziato, se per mancanza di fiducia o altro, non vi è dubbio che gli sforzi dei russofobi nella dirigenza della sicurezza nazionale e nei partiti democratico e repubblicano s’intensificheranno nei prossimi giorni. Quasi pensano che l’Unione Sovietica sia “tornata” come in Simpson Tide, episodio del 1998 dei Simpson, quando i russi fecero credere agli Stati Uniti che l’Unione Sovietica fosse scomparsa. Forse, più precisamente, l’attuale enigma politico assomiglia alla satira del 1964 del Dottor Stranamore. I russofobi sono come il generale “Buck” Tergidson, solo diversi per sfumatura sciovinista dal generale Jack D. Ripper che voleva la guerra nucleare con la Russia, a qualsiasi costo, affermando che i comunisti ingannavano il presidente dicendogli che “ci pesteranno!” L’amministrazione Trump è come il presidente Merkin Muffley che cercava un approccio più equilibrato, razionale con la Russia finché fu evidente che la guerra era inevitabile.
Ora ci troviamo a un bivio, con il futuro del mondo in bilico. Finché l’amministrazione Trump avrà una posizione aspra contro Iran, Venezuela e Corea democratica, il mondo multipolare sarà minacciato. Se ci fosse un indirizzo filo-russo nel governo Trump, sarebbe positivo per il mondo, eventualmente riducendo i conflitti, anche se è difficile sostenere tale postura con gli attacchi dai russofobi. Ciò che succede dopo riguarda noi, gente del mondo.

loading...

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

loading...