di L.M.P.I

L’Osdh, l’Osservatorio siriano parla di 61 morti, tra cui 11 bambini, tutti vittime del raid aereo che avrebbe sprigionato “gas tossici” contro la citttadina di Khan Sheikhun. I medici sospettano l’utilizzo del gas Sarin.

Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia ha riferito: “Immagini sconvolgenti, l’umanità è morta oggi in Siria. La comunità internazionale, dopo sei anni di inferno, deve porre fine a questo calvario. Non ci sono figli di Assad e dei ribelli, sono tutti vittime di una guerra che non hanno voluto.”

Nonostante il governo siriano abbia negato di avere bombardato Khan Sheikhun, molti giornalisti e analisti credono che l’attacco sia stato compiuto o dal governo del presidente Bashar al Assad o dalla Russia, suo alleato. Adesso bisogna fare luce sull’accaduto, o Assad è un pazzo e proprio dopo che gli Usa hanno legittimato la sua posizione dichiarando che è il popolo siriano a scegliere chi vuole alla guida del paese, e quindi pazzo per pazzo ha usato armi chimiche giusto per essere attaccato dalla coalizione NATO, servendo così la sua testa su un piatto d’argento, o vi è un complotto per legittimare quello che da sempre è stato l’intento degli Usa, ovvero rovesciare il suo governo com’è accaduto in Libia per esempio. Questo ora è tutto da dimostrare, resta solo lo sdegno, l’amarezza e il dolore per questa guerra che da troppi anni continua a mietere vittime innocenti.

La mia parte intollerante

loading...