loading...

Intense operazioni militari degli USA attraversano l’Europa, l’Africa, il Medio Oriente e l’Asia meridionale, che contraddicono con lo slogan della campagna del presidente nordamericano Donald Trump, “l’America prima di tutto”, si legge in un articolo della CNN.

Gli Stati Uniti hanno stabilito una presenza militare più robusta e attiva in Somalia, Yemen, Iraq, Siria e Afghanistan, e sono disposti a impegnarsi ulteriormente in Libia. Inoltre, hanno inviato più truppe in Europa e cercano di espandere proprio l’ la spesa militare, prosegue l’articolo.

loading...

In Asia, l’inquilino della Casa Bianca sta valutando le risposte ai test missilistici costanti e della Corea del Nord, che le esibisce come aumento della sua potenza nucleare e missilistica, comprese le opzioni militari. Washington non esclude una risposta militare, aggiunge il media statunitense.

La CNN ha sottolineato che questo processo contraddice chiaramente le dichiarazioni Trump fatte durante la campagna quando ha detto che gli Stati Uniti non potevano più permettersi di essere il poliziotto del mondo, e la lunga tradizione interrogato di Washington di cercare alleati altrove, soprattutto in Europa.

Da quando è entrato effettivamente nel suo incarico, Trump ha aumentato il numero delle forze statunitensi di stanza all’estero e si registra un aumento delle incursioni in vari punti critici in tutto il mondo.

In Europa, gli Stati Uniti d’America in linea con l’espansione della NATO verso la parte orientale del continente, ha schierato nuovi battaglioni in Polonia e nei Paesi Baltici.

È vero, è stato il suo predecessore, l’ex presidente Barack Obama ad avviare questo processo, ma Trump ha chiesto un aumento di 1,4 miliardi di dollari per la Difesa degli Stati Uniti la spesa in Europa, ha ampliato la presenza degli Stati Uniti in questo continente, raddoppiando il bilancio facendo in modo che la cifra totale raggiunta è di quasi 4,8 miliardi, aggiunge l’articolo.

via L’Antidiplomatico

loading...