(Damasco, 14 Marzo)In relazione alle ultime minacce di nuovi attacchi missilistici/aerei delle forze USA sulla Siria, sono trapelate notizie dalle fonti russe di febbrili preparativi della Difesa per blindare i cieli di Siria e Libano sotto una impenetrabile sistema di difesa russo costituito da missili S-400,  che risulta  fortemente incrementato nelle ultime 24 ore.

Damasco e le sue strutture di Governo, le basi militari e l’aeroporto si trovano sotto la copertura aerea russa e siriana da ieri sera , a Damasco si possono ascoltare i bang  sonori dei caccia russi in quota che scuotono i vetri delle finestre. Gli osservatori militari ri

tengono che gli aerei siano stati messi in quota per tenerli al sicuro dalla portata dei missili Tomahawk di Trump.
Quale che sia la ragione è comunque una dimostrazione di forza.

Inoltre altri sistemi, tutti sotto il comando russo, sono pronti a abbattere qualsiasi aereo americano/israeliano che tenti di portare a termine gli attacchi promessi da Trump nelle ultime 24 ore, come espresso minacciosamente dall’ambasciatore americano dell’ONU, Nikki Haley.

Le minacce di queste ultime ore sono state prese molto sul serio dal Comando russo che ha ricevuto ordine di approntare trutti i sistemi di difesa a cui è stato dato il massimo grado di allarme rosso. Nelle acque del Mediterraneo antistanti la Siria sono in arrivo altre unità navali russe, fra cui una fregata lanciamissili Iskander.

Difesa aerea siriana

Ora si tratta di aspettare l’attacco

Trump ha promesso di attaccare la Siria se questa continuerà a combattere contro i terroristi sostenuti dagli Stati Uniti che hanno bombardato le aree civili di Damasco per oltre 5 anni.
Il guanto di sfida è stato lanciato e la Russia di Putin lo ha raccolto, bisogna vedere chi farà la prima mossa.

Queste informazioni provengono da fonti “più alte” e includono un messaggio che crediamo sia destinato a comandanti statunitensi, israeliani e sauditi che pianificano di colpire la Siria con il pretesto degli attacchi di gas falsificati /pre fabbricati.

via Controinformazione