Il Dalai Lama dubita della possibilità di una Terza Guerra Mondiale ed ha sostenuto che l’Occidente ha bisogno della Russia. La guida spirituale del buddismo tibetano lo ha dichiarato in un’intervista con Sputnik a margine di un incontro con importanti ricercatori russi nella sua casa nella città indiana di Dharamsala.

“Penso di no”, ha detto il Dalai Lama rispondendo alla domanda sulla possibilità di una Terza Guerra Mondiale a seguito delle crescenti tensioni geopolitiche nel mondo, incluso il confronto tra Russia e Stati Uniti.

Secondo il Dalai Lama, nel caso di guerra nucleare, tutta la vita scomparirà dal pianeta, quindi tutti oggi “devono basarsi sul buon senso e su un pensiero ampio e imparziale”.

La guida spirituale dei buddisti ha inoltre notato che nel mondo moderno tutti i 7 miliardi di persone dipendono l’uno dall’altro.

“La Russia ha bisogno del mondo occidentale e dell’America, le servono le loro tecnologie, l’Occidente ha bisogno della Russia, perché ha enormi risorse naturali… Per tutta l’umanità occorre assolutamente che i paesi dell’Oriente dell’Occidente vivano nel rispetto reciproco. La Russia ha una posizione geografica unica, ricopre un ruolo molto importante come ponte tra Oriente ed Occidente”, ha aggiunto il Dalai Lama.

Le vere cause di tutti i problemi sono “la rabbia, l’esasperato senso di competizione, l’egocentrismo”. Pertanto la responsabilità speciale per un futuro pacifico appartengono alla scienza e all’istruzione che dovrebbero formare la gente.

“Nei tempi antichi, le persone vivevano in comunità abbastanza chiuse… Oggi tutti i sette miliardi di persone sono una sola famiglia, un qualsiasi problema è il problema di tutta l’umanità. Questi problemi devono essere risolti umanamente, incontrandosi e parlando. Se cerchiamo di risolverli con la forza e le armi, andiamo contro la logica… Le armi uccidono solamente e portano ancora più odio”, ha sottolineato il Dalai Lama.

via Sputnik