di Jonas E. Alexis

Gli israeliani pensano di poter continuare a manipolare l’Occidente in generale e in particolare i funzionari statunitensi. È finalmente arrivato il momento di sfidare questo tabù israeliano/neocon.

Nel suo eccellente articolo “È ora di abbandonare il tabù degli ebrei”, Charles Bausman di Russia Insider, ha sostenuto recentemente che persone di varie fasce sociali sanno che c’è “una cosa” di cui non possono parlare apertamente e francamente, senza mettersi nei guai, e questo è “il tabù degli ebrei”. “Non si può nemmeno criticare una piccola sottosezione di ebrei, una percentuale minuscola della popolazione ebraica, anche quando lo meritano ampiamente”.

Bausman ha proseguito dicendo: “Mi sono convinto che se non rompiamo questo tabù, nulla migliorerà nella catastrofe umana che si svolge nella geopolitica. Milioni di persone sono morte negli ultimi 30 anni e se vogliamo che smetta questa tendenza e si eviti un cataclisma che sembra avvicinarsi inesorabilmente, dobbiamo avere la libertà di criticare i responsabiliPer me è molto chiaro, come lo è per molti altri, che gran parte della colpa di questo proviene da gruppi di pressione ebraici, in particolare nei media“.

Bausman ha ragione sull’obiettivo delle critiche. Pensiamo all’influenza disastrosa di questa lobby sionista nelle guerre in Iraq, Afghanistan, Siria e Libia. Pensiamo alle “guerre perpetue” praticamente in tutto il Medio Oriente. Studiosi e statistici ora concordano sul fatto che la guerra in Iraq da sola costerà all’America almeno sei trilioni di dollari. [1] Questa non è teoria della cospirazione. Questo è un fatto brutale! E non conteggia nemmeno i milioni di persone che hanno perso la vita per una guerra inutile!

La cosa triste è che le guerre perpetue furono condotte e progettate dai neocon in America e dal regime israeliano. Questo è un altro fatto incontrovertibile che non può essere confutato da qualche studioso rispettabile. [2] Quei neocon e israeliani usavano gli inganni e le menzogne deliberate per portarci tutti in una trappola. [3] E una volta che il caos incombe praticamente ovunque in Medio Oriente, quei Neocon hanno la temerarietà di dirci cose come “L’Iraq è stato un errore degno”! [4] In altre parole, fottetevi tutti voi, Goyim.

Il momento di sfidare questo tabù israeliano è da lungo tempo arrivato, in ritardo perché gli israeliani pensano di poter continuare a manipolare l’Occidente in generale e in particolare i funzionari statunitensi.

“Aiutati da Donald Trump, hanno ingaggiato un’agenzia israeliana di intelligence privata per organizzare una campagna per “infangare” le personalità chiave dell’amministrazione Obama che hanno contribuito a negoziare l’accordo sul nucleare iraniano”. [5]

Il politico britannico Jack Straw ha dichiarato: “Queste sono accuse straordinarie e terribili, ma che illustrano anche un alto livello di disperazione da parte di Trump e Benjamin Netanyahu, non tanto per screditare la questione dell’accordo, ma per minare le persone intorno a esso”. [6]
Un diplomatico britannico in modo unanime ha detto: “È dannatamente oltraggioso farlo. L’intero punto delle trattative è non utilizzare trucchi sporchi come questo”. [7]

Questa nuova manipolazione viene fatta dal regime israeliano e per l’interesse del regime israeliano, non per gli Stati Uniti o l’America media; non per l’Occidente o per i popoli d’Europa. Questo tabù israeliano deve essere sfidato, perché non va bene per nessuno, nemmeno per gli israeliani (normali cittadini) che stanno cercando di sfamare le loro famiglie e di rimanere fuori dalla politica.

La cosa interessante è che i Neocon se ne rimangono completamente silenziosi. Hanno urlato a pieni polmoni dicendo che la Russia ha bisogno di pagare il conto per l’hacking (presunto) delle elezioni passate, ma nessuno ha detto niente su Netanyahu, che ha hackerato o manipolato la Casa Bianca praticamente ogni settimana.

Le prostitute Neocon stanno battendo il tamburo di guerra, dicendo che gli Stati Uniti hanno bisogno di rimuovere Assad dal potere, ma nessuno ha detto una sola cosa sull’Arabia Saudita, quando questa ha raso al suolo il palazzo presidenziale yemenita. Dov’è Benjamin Netanyahu?

In breve, questo tabù israeliano o ebraico non è affatto positivo per il mondo. I promotori sionisti come Tikkun Olam, cercano di far credere che loro stanno cercando di portare la guarigione al mondo, ma sappiamo tutti che questa guarigione è il caos sulla terra.

Come E. Michael Jones sottolinea: “Il risultato sarà inevitabilmente un ‘paradiso terrestre’, come quello creato dai bolscevichi nell’Unione Sovietica, che porterà a indicibili sofferenze prima di collassare in una nuvola di disillusione e prima che gli ebrei passino al loro prossimo movimento messianico”. [8]

Riferimenti:

[1] Ernesto Londono, “Studio: Iraq, la guerra afgana costa a $ 4 trilioni”, Washington Post , 28 marzo 2013; Bob Dreyfuss, The $ 6 Trillion Wars, ” The Nation , 29 marzo 2013; “Il costo della guerra in Iraq USA superiore a $ 2 trilioni, potrebbe crescere fino a $ 6 trilioni, dice studio Watson Institute,” Huffington Post , 14 maggio 2013; Mark Thompson, “The $ 5 Trillion War on Terror” , Time , 29 giugno 2011; “La guerra in Iraq costa: $ 6 trilioni. Cos’altro avrebbe potuto essere fatto ?, ” LA Times , 18 marzo 2013.
[2] Per gli studi su questo, vedi Murray Friedman, The Neoconservative Revolution: Jewish Intellectuals and the Shaping of Public Policy (Cambridge: Cambridge University Press, 2004); Stefan Halper e Jonathan Clarke, America Alone: ??The Neo-Conservatives and the Global Order (Cambridge: Cambridge University Press, 2003); Michael MacDonald, Overreach: Delusions of Regime Change in Iraq (Cambridge: Harvard University Press, 2014); Paul R. Pillar , Intelligence e politica estera degli Stati Uniti: Iraq, 9 settembre e Riforma sbagliata (New York: Columbia University Press, 2011).
[3] Vedi John M. Schuessler, L’inganno sulla strada verso la guerra: presidenti, politica e democrazia americana (New York: Cornell University Press, 2015); John J. Mearsheimer e Stephen M. Walt, The Israel Lobby e Foreign Policy degli Stati Uniti (New York: Farrar, Straus & Giroux, 2007).
[4] Jonah Goldberg, “L’Iraq è stato un degno errore”, LA Times, 19 ottobre 2006.
[5] Mark Townsend e Julian Borger, “Revealed: la squadra Trump ha ingaggiato una spia per” operazioni sporche “sull’accordo sulle armi iraniane,” Guardian , 5 maggio 2018.
[6] Ibid.
[7] Ibid.
[8] E. Michael Jones, “Tabù cattolici e ebrei”, Guerre culturali, maggio 2018.

Artricolo di Jonas E. Alexis

Traduzione: Luciano Lago

Fonte originale: Veterans Today

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.controinformazione.info/e-ora-di-abbandonare-il-tabu-israeliano/