Gli Stati Uniti avrebbero dato ad Israele il via libera per assassinare il generale Qassem Soleimani, comandante del braccio oltremare della Guardia rivoluzionaria iraniana, la Forza Quds, secondo quanto riportato dal quotidiano kuwaitiano Al-Jarida.

Il documento, visto nel mondo arabo come strumento per far conoscere il messaggio di Israele ad altri paesi del Medio Oriente, ha citato una fonte anonima a Gerusalemme che afferma che “c’è un accordo americano-israeliano” che Soleimani è una “minaccia per gli interessi dei due paesi”nella regione “.

Secondo il rapporto, il presunto cenno di Washington di uccidere il generale iraniano arriva tre anni dopo che gli Stati Uniti hanno sventato un tentativo israeliano di assassinarlo vicino a Damasco.

Se la storia di Al-Jarida è qualcosa su cui  fare affidamento, gli americani avrebbero avvertito Teheran allora della intenzione del folle assassinio, mentre gli israeliani seguivano ogni passo di Soleimani.

Secondo il quotidiano, la decisione di Washington di dare il “contentino” agli iraniani “ha scatenato un netto disaccordo tra gli apparati di sicurezza e di intelligence israeliani e americani riguardo al problema”.

Il giornale ha anche affermato che il secondo in comando dell’Iran in Siria, Mohammad Reda Falah Zadeh, potrebbe anche lui “essere un bersaglio” per un attacco israeliano.

Israele ha più volte espresso preoccupazione per la presunta presenza militare iraniana in Siria e ha affermato che la Repubblica islamica ha costruito una base nel paese.

L’Iran ha costantemente negato di avere una presenza militare in Siria, ma ha ammesso di aver inviato consiglieri militari per aiutare Damasco a combattere il terrorismo.

Nota: Il generale Soleimani ha condotto le operazioni in Siria ed in Iraq delle milizie sciite contro le formazioni terroristiche dell’ISIS e dei gruppi di Al-Nusra (Jabhat Fatah Al-Sham ) sostenuti da USA ed Arabia Saudita. Questo ha dato molto fastidio in particolare alle autorità dell’Arabia Saudita e di Israele che hanno richiesto di eliminare il generale iraniano e la richiesta è stata passata al servizio di intelligence israeliano (Mossad) che si occupa delle eliminazioni mirate.

Fonti: Sputnik, Al-Jarida

via Controinformazione