di  Finas Samuri

La devastante guerra civile siriana di sette anni si sta muovendo rapidamente verso una conclusione logica , ed è difficile non essere d’accordo con questa affermazione. Ciò è dimostrato dal rapido avanzamento dell’esercito arabo siriano (SAA) e delle forze alleate nella parte sud-occidentale del paese, quando nel giro di un mese e mezzo le forze governative sono riuscite a liberare 4.000 chilometri quadrati dei territori e più di 70 città e insediamenti. A causa dell’aiuto umanitario dalla Russia, la Siria ritorna gradualmente alla pace. Negli ultimi due mesi, più di 7.000 rifugiati siriani sono già tornati alle loro case.

Vale la pena notare che la liberazione della provincia sud-occidentale è stata una questione strategica per il presidente Assad in quanto è stata questa la culla della sedizione che è iniziata il 6 marzo 2011. La città era stata gestita dall’opposizione siriana e dai militanti dell’HTS.

I successi militari delle truppe siriane giocano bene per Assad, quando nel 2015 la sua sopravvivenza sembrava essere una questione di tempo . A quel tempo le SAA avevano subito pesanti perdite in tutti i settori del fronte e i terroristi dell’ISIS controllavano oltre il 70% dei territori siriani, comprese le grandi città e i giacimenti chiave di petrolio e gas.

Il coinvolgimento degli alleati di Damasco rappresentati dall’Iran e dalla Russia nella lotta al terrorismo, i guadagni diplomatici e politici sia nelle piattaforme negoziali di Astana e Sochi, sia una crescente fiducia nella popolazione locale hanno permesso al leader siriano di invertire il corso degli eventi e dare un po ‘ di equilibrio alla pacificazione del paese .

Oltre all’aviazione russa, i consiglieri militari iraniani e le unità di Hezbollahun altro stato ha partecipato al conflitto siriano. Il suo coinvolgimento era semplicemente distruttivo. Questo riguarda gli Stati Uniti.

Dall’inizio della crisi siriana, l’allora presidente americano Barack Obama ha sostenuto l’opposizione e l’ha fornita con centinaia di milioni in armi e addestramento dei terroristi. Poi, nel 2014, con il pretesto di combattere l’ISIS, è stata creata la coalizione internazionale. I suoi aerei da combattimento in 15.000 attacchi aerei indiscriminati hanno ucciso almeno 8.000 civili.
La cosiddetta liberazione della città di Raqqa, con il suo bilancio di vittime civili, potrebbe essere chiarita come un’altra pietra miliare chiave dell’interferenza negativa degli Stati Uniti.

Durante l’esecuzione di numerosi attacchi aerei, la leadership degli Stati Uniti non ha fatto i conti con le perdite tra i civili. Secondo varie organizzazioni per i diritti umani, da 2.400 a 3.000 siriani sono stati uccisi durante l’operazione dei “liberatori”. Attualmente, il 90% delle infrastrutture urbane è stato distrutto e giace in rovina dove centinaia di civili sono stati sepolti vivi. La popolazione locale continua a soffrire per la mancanza di acqua e di forniture elettriche e gli ordigni esplosivi lasciati dall’ISIS e continuano a minacciare la vita dei bambini.

Raqqa, rovine

Vale la pena notare che nel 2017 gli Stati Uniti e alcuni stati occidentali hanno annunciato all’unanimità di stanziare fondi per il ripristino dell’infrastruttura urbana delle città. Tuttavia, nel marzo 2018, l’amministrazione Trump tradì i siriani, congelando il pagamento di $ 200 milioni per stabilizzare le regioni che erano state precedentemente controllate dall’ISIS.

Ci sono anche altri fatti dell’intervento degli Stati Uniti nel corso della crisi siriana, che è stato ripetutamente riportato dai media tradizionali. È l’addestramento dei miliziani, l’evacuazione dei comandanti di alto rango dell’ISIS dalla zona di Deir Ezzor, nel sud est della Siria, oltre all’insediamento illegale di una zona di 55 chilometri ad Al-Tanf e molte altre cose.
In effetti, gli Stati Uniti non sono riusciti a raggiungere i loro obiettivi di smembrare la Siria in varie entità statali e di rovesciare Assad.

Tuttavia, le posizioni del presidente passato, rispetto a quello attuale della Casa Bianca sulla Siria, sono variate considerevolmente.
Trump, a differenza di Obama, è esplicito sul lasciare la Siria a Mosca dopo aver distrutto lo Stato islamico. Molto probabilmente, ha esaminato l’invasione dell’Iraq del 2003 e ha criticato il modo in cui è stata destabilizzata la regione, rafforzato l’Iran, danneggiato i rapporti con gli alleati di Washington e alimentato la violenza degli estremisti, minando la posizione degli Stati Uniti nell’area.

Infine, seguendo tutte le brutalità commesse dagli Stati Uniti, l’unico modo per rimanere in Siria è contattare il governo ufficiale per il rientro dei rifugiati e degli sfollati.

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Luciano Lago

via Controinformazione