Gli ultimi eventi nella Siria nord-orientale indicano che gli Stati Uniti non solo non vogliono ripristinare la vita pacifica nel paese arabo ma, al contrario, contribuiscono in ogni modo ad esacerbare il conflitto arabo-curdo. Gli osservatori hanno cercato di capire quale sia la reale situazione sul campo.

Non è un segreto che attualmente l’interesse principale dell’esercito americano stanziatosi ad est dell’Eufrate è di trarre profitto dal contrabbando di petrolio dai giacimenti siriani catturati. Anche il blocco dell’influenza dell’Iran è considerato un importante compito geopolitico. L’alleato principale è considerato quello delle formazioni curde, che hanno ottenuto il controllo dell’80% delle riserve petrolifere della Siria con l’aiuto degli Stati Uniti.

In contrasto con le disparate tribù arabe locali, tra i curdi c’è una forza dominante – il “Partito dei lavoratori del Kurdistan” (PKK).

È anche questo sotto il controllo dei “Distaccamenti nazionali di autodifesa” curdi e del cosiddetto servizio di sicurezza Asayish. Con l’aiuto di questa risorsa di potere, facendo leva sul sostegno americano, i leader del PKK hanno preso il potere nella Siria nord-orientale e reprimono coloro che sono contrari al loro dominio, sia tra i curdi che tra gli arabi.

Il problema per gli americani è l’implacabile ostilità del PKK e della Turchia. Per preservare un importante alleato della NATO e non perdere il punto d’appoggio della sua presenza nella Siria orientale di fronte ai curdi, gli Stati Uniti chiedono che i leader dei separatisti curdi abbandonino ufficialmente l’ideologia del PKK e rimuovano i suoi leader dai primi ruoli. In cambio, gli Stati Uniti promettono ai kurdi la loro ulteriore protezione e tutela contro i turchi.
Per evitare le accuse curde sullo sfondo delle dichiarazioni bellicose della Turchia, gli americani hanno iniziato a schierare posti di osservazione sulla linea di contatto tra truppe curde e truppe turche, si sono interessati a fornire munizioni e armi ai curdi e anche di annunciare alle circa 30 mila milizie curde, piani per prepararsi alla lotta contro lo Stato islamico nel 2019 e contro le formazioni filo-iraniane .

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti chiudono un occhio sull’arbitrio dei curdi in relazione alla popolazione araba. Un esempio recente è stato l’esecuzione da parte dei militanti dello “Stato islamico” il 25 novembre nel villaggio di Al-Bahra, che hanno catturato, trenta giovani arabi mobilitati nelle forze democratiche della Siria a guida curda. Abbandonati dagli americani e dai comandanti kurdi in balia del destino, le unità di autodifesa araba scarsamente armate sono divenute facili bersagli per i teppisti dell’ISIL liberati liberamente dai curdi dalla città di Khadzhin.

Forze speciali USA in partenza per la Siria

Gli USA hanno spiegato questo dicendo che non è vantaggioso per gli americani rinforzare una parte specifica, che si tratti dell’opposizione siriana o dei gruppi armati curdi. Inoltre, non beneficiano della completa distruzione dello “Stato islamico” in Siria, perché in tal caso dovranno trovare un’altro pretesto per la presenza degli americani in Siria. Pertanto, vediamo che l’incoerenza degli Stati Uniti porta alla destabilizzazione della situazione, alle vittime civili, alle azioni aggressive dei curdi contro la popolazione araba e alla risposta della popolazione araba. Inoltre, in questo caos, si riorganizzano i resti dello “Stato islamico”.

“L’attualizzazione dei propri compiti da parte delle forze turche, non solo militari, ma anche politiche, è anche resa possibile, poiché la questione curda è chiaramente prioritaria per i turchi, e capiscono la sua soluzione in modo molto specifico. Pertanto, il caos si sta verificando nella regione. Si pensa che gli americani stiano deliberatamente organizzando questo caos, dal momento che sono indifferenti alle vite e agli interessi dei civili, così come agli interessi dei curdi. Gli Stati Uniti concedono a questi ultimi promesse irrealizzabili e sostegno situazionale, mentre siamo sicuri che il sostegno è fornito ai resti dello Stato islamico, così come un certo sostegno, per quanto leggero, è anche la cosiddetta opposizione “, ha detto il funzionario della FAN.

L’esperto ha osservato che in questo groviglio di contraddizioni vengono uccisi esseri umani, tuttavia, il caos continuerà a crescere, perché gli americani non hanno alcun problema a portare la regione nel caos , per evitare quei processi che dovrebbero portare al ripristino della vita pacifica.

“Pertanto, questo problema dovrebbe essere risolto dalle forze siriane ufficiali. Le forze governative, vista l’esperienza accumulata e le campagne di successo del 2017-2018, hanno certamente una comprensione di come portare la pace in qualsiasi paese, anche se con una composizione etnica complessa, anche se in terre dove, tra le altre cose, non solo vivono gli arabi ma anche persone di altre nazionalità “, ha concluso Alexander Asafov.

Fonte: Riafan.ru

Traduzione: Sergei Leonov

via Controinformazione