La segretaria della Sicurezza Interna statunitense Kirstjen Nielsen è preoccupata per la mutata situazione sulla scena internazionale che minaccia il “mondo unipolare e lo stile di vita dell’America”.

“Sta crollando l’equilibrio di potere che ha caratterizzato il sistema internazionale per decenni. Il mondo unipolare dell’America è minacciato. Il vuoto di potere in tutto il mondo viene rapidamente occupato da Stati ostili, terroristi e criminali transnazionali; tutti condividono un obiettivo comune: vogliono distruggere il nostro modo di vivere e molti di loro stanno scatenando il caos, l’instabilità e la violenza”, ha detto la rappresentante dell’amministrazione americana intervenendo alla George Washington University.

La Nielsen ha posto l’attenzione in particolare sulla sicurezza informatica, dove i criminali cercano di trovare vulnerabilità per far male agli Stati Uniti. Ha riconosciuto che è estremamente difficile sradicare queste minacce.

La Nielsen ha confrontato la gravità delle minacce con il contesto alla vigilia degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001.

Secondo la funzionaria, le minacce contro gli Stati Uniti da parte dei nemici stranieri sono ora ai massimi livelli dai tempi della guerra fredda.

“Paesi come la Cina, l’Iran, la Corea del Nord e la Russia sono pronti ad utilizzare tutte le leve del loro potenziale, come strumenti finanziari, commerciali, informatici, di spionaggio, cyberattacchi ed altro per indebolirci e per promuovere i loro interessi”.

via Sputnik