BEIRUT, LIBANO (12:40) – Le forze aeree saudite hanno scatenato un massiccio attacco nel governatorato di Sana’a nelle ultime 24 ore, hanno riferito attivisti yemeniti della capitale yemenita.
Secondo i rapporti di Sana’a, l’aviazione saudita ha pesantemente bombardato la capitale e i suoi dintorni, colpendo un numero di siti dove presumibilmente ci sarebbe una presenza di Houthi (var. Ansarallah Movement).

Il numero totale di vittime a seguito di questo attacco è ancora sconosciuto.

Quest’ultimo attacco dell’Air Force saudita arriva appena un giorno dopo che il Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha invitato tutte le parti in conflitto ad aderire a un cessate-il-fuoco di 30 giorni in tutto il paese.
La bambina yemenita affamata della foto scioccante del NYT muore mentre il bombardamento e il blocco continuano.  Fonte: Al Masdar Nws

Vittime di guerra: i bambini

Una bambina yemenita affamata, il cui ritratto bruciante da un letto d’ospedale ha portato l’attenzione del mondo sul disastro umanitario in corso nel paese, è morta. Nel frattempo, il blocco delle forniture guidato dai sauditi continua.
La foto di una emaciata Amal Hussein è stata pubblicata come parte di una storia sul New York Times la scorsa settimana, evidenziando le crescenti tragedie umane causate dai combattimenti in corso e l’impatto devastante che la campagna di bombardamenti a guida saudita ha avuto sui civili.

Giovedì, la sua famiglia ha detto al giornale che Amal era morta in un campo profughi, a diverse miglia dall’ospedale che aveva tentato di curarla. Aveva sette anni.
“Il mio cuore è spezzato”, la madre di Amal, Mariam Ali, in lacrime, ha raccontato il giornale della tragica scomparsa. “Amal stava sempre sorridendo. Ora sono preoccupato per gli altri miei figli. ”

Bambini affamati nello Yemen

La storia, che ha portato l’attenzione sulla difficile situazione di Amal, della sua famiglia e dei milioni di altri yemeniti sull’orlo della fame, è stata rapidamente condivisa sui social media, nonostante Facebook abbia inizialmente rimosso i post.

L’oltraggio al dramma della bambina ha indotto il gigante della tecnologia ad affannarsi per difendere la sua decisione, sostenendo che l’immagine di una Amal nuda (bambina di 7 anni) violava le sue linee guida sul “materiale sessuale”. In seguito ha ribaltato la sua decisione concordando sul fatto che il quadro fosse “un’importante immagine di significato globale”.

L’Arabia Saudita ha guidato l’intervento militare in Yemen dal 2015 a fianco del governo estromesso di Abdrabbuh Mansur Hadi che sta combattendo i ribelli Houthi. Mentre il conflitto si trascina da anni senza molta opposizione da parte dell’Occidente, Riyadh è stata recentemente sottoposta a un controllo approfondito in seguito all’uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel consolato di Istanbul il mese scorso.

La guerra aerea a guida saudita nello Yemen ha colpito innumerevoli obiettivi civili tra cui mercati , matrimoni , funerali e autobus che trasportavano bambini in età scolare. Ma il suo blocco navale del porto del Mar Rosso di Hodeidah – dove l’80% degli aiuti entra nel paese – ha provocato un disastro umanitario a tutto campo, lasciando 14 milioni di yemeniti a rischio di morire di fame, mentre la mancanza di medicinali ha visto molti più morti di colera e altre malattie.

Amal Hussein bimba yemenita

“Evidenza” La coalizione a guida saudita ha l’obiettivo di distruggere la produzione alimentare nello Yemen controllato dagli houthi

La coalizione ha anche martellato strutture e infrastrutture per fornire aiuti. Un rapporto pubblicato il mese scorso ha detto che c’erano “prove forti” per suggerire che stava commettendo crimini di guerra attraverso la distruzione mirata delle strutture di produzione alimentare e delle zone di pesca nel territorio controllato da Houthi.

Persino le richieste di una “cessazione delle ostilità”, da parte del Segretario di Stato americano Mike Pompeo e del Segretario alla Difesa James Mattis, sono cadute nel vuoto. Nelle prime ore di Venerdì mattina, la coalizione guidata Arabia ha fatto 12 raid aerei contro obiettivi in tutto lo Yemen, insistendo sul fatto che tutte le aree colpite erano “obiettivi militari legittimi.”

Fonte: RT News

Traduzione: Luciano Lago

via Controinformazione