Sembra che esperti occidentali e diplomatici ucraini abbiano “previsto” con successo l’escalation del 25 novembre nel Mar Nero a metà novembre.

Sull’incidente del  21 novembre , il Consiglio Atlantico “un think tank americano nel campo degli affari internazionali”, che può anche essere descritto come l’ufficio pubbliche relazioni della NATO e gli Stati Uniti,  ha pubblicato un rapporto intitolato “ Beyond Borderlands Garantire la sovranità di  tutti i  Popoli dell’Europa orientale”.

Come previsto, il rapporto si concentra principalmente sull’interferenza russa, dal momento che l’altra influenza da parte dell’UE e degli Stati Uniti non può essere considerata alcun tipo di influenza, soprattutto non negativa. Si concentra soprattutto sull’Ucraina.

Nella sezione soprannominata “Assistenza alla sicurezza a breve e medio termine”, viene evidenziata la situazione nel Mare di Azov.

“La Russia attualmente sta occupando e militarizzando la Crimea ucraina, sta conducendo una guerra calda e ibrida nel Donbas e ostacolando le spedizioni ucraine nel Mar d’Azov”.

Inoltre, la sezione ha esaminato il conflitto tra Russia e Georgia nel 2008, sostenendo che il “peacekeeper russo dell’Ossezia del Sud periodicamente sposta la linea di demarcazione più in là in Georgia”.

Gli Stati Uniti e la NATO hanno fornito addestramento militare a Ucraina e Georgia. E sotto l’amministrazione di Donald Trump, gli Stati Uniti “finalmente” hanno fornito i micidiali missili Javelin in entrambi i paesi.

Inoltre, secondo il rapporto, gli Stati Uniti potrebbero e dovrebbero anche consultare la Georgia e l’Ucraina per ulteriore assistenza militare.

” Sarebbe anche utile per gli Stati Uniti e l’UE prendere in considerazione un uso proattivo delle sanzioni per scoraggiare l’ulteriore aggressione del Cremlino. Ad oggi, le sanzioni sono state usate per punire il Cremlino per i peccati passati, ma possono anche essere usati per scoraggiare ulteriori aggressioni. “Dando come esempio, che il Cremlino” continua a prendere più territorio nel Donbass “, nonostante il cessate il fuoco. Inoltre, nonostante ciò, l’OSCE dubita che vi siano segni di partecipazione russa nella regione .

Inoltre, il rapporto presenta anche un suggerimento sulla lotta contro “l’aggressione e le provocazioni russe” nel Mar d’Azov .

“Gli Stati Uniti e l’UE dovrebbero anche guardare da vicino alle provocazioni del Cremlino nel Mar d’Azov e prendere in considerazione una risposta adeguata. Forse non dovrebbe permettere alle navi russe che navigano dai porti del Mar d’Azov di attraccare nei porti europei e statunitensi, fintanto che Mosca sta ostacolando le spedizioni ucraine laggiù “.

Dopo l’incidente del Mar Nero tra Russia e Ucraina che è accaduto il 25 novembre ° , Anders Aslund, economista svedese, che è un collega nel Consiglio Atlantico, ha esortato gli Stati Uniti di inviare navi da guerra al Mar d’Azov, nel territorio marittimo di un altro paese, dopo l’incidente tra  l’Ucraina-e Russia  nello stretto di Kerch.

Anders Åslund
@anders_aslund
What is the EU going to do about the illegal Russian blockade of the international Sea of Azov? Instant action is called for! @FedericaMog @JunckerEU @eucopresident

Ander Åslund
@anders_aslund
Everything suggests that Russia slowly takes one step after the other to block the Azov Sea off from Ukraine & international shipping. The West & NATO should react sharply before it is too late.

Yaroslav Trofimov, corrispondente capo degli affari esteri del Wall Street Journal, ha twittato che, a parte i “rischi pratici” che potrebbero scaturire dalle navi statunitensi che corrono nel mare chiuso, sarebbe anche “illegale senza il permesso russo”.
Aslund, in un improvviso impulso ad aumentare l’assurdità ,paragona anche l’incidente con l’invasione polacca di Adolf Hitler.

Leonid Ragozin, ex Lonely Planet e BBC, ha anche espresso la sua opinione sulla questione e il sostegno del Consiglio atlantico ai “valori democratici”.

Leonid Ragozin
@leonidragozin
Side show? I thought Western support of Ukraine was about democratic values, not geopolitical machinations. I very genuinely did.

Atlantic Council

@AtlanticCouncil
If the West does not react—and if Western media facilitate this by focusing on sideshows like “Martial Law”—then Putin will have won another gamble, says John Herbst, a former US ambassador to Ukraine. http://www.atlanticcouncil.org/blogs/ukrainealert/q-a-russia-attacks-ukraine-again-how-should-ukraine-nato-and-the-west-respond …

Ukrainian Presidente Poroshenko fra i militari

Il segretario Pompeo e il ministro degli esteri Klimkin hanno ribadito che la cooperazione tra Stati Uniti e Ucraina si basa su interessi comuni e valori condivisi, tra cui il sostegno alla democrazia, la libertà economica e la prosperità, la sovranità e integrità territoriale, la sicurezza energetica e il rispetto dei diritti umani e norma di legge.”

Inoltre, sembra che una “provocazione da parte della Russia” sia stata prevista in un modo o nell’altro, come risulta in qualche modo evidente dal comunicato stampa del ministero degli Esteri ucraino.

“Gli Stati Uniti hanno condannato le azioni aggressive della Russia contro le spedizioni internazionali che transitano nel Mar Nero, nel Mar d’Azov e nello Stretto di Kerch verso i porti ucraini. Entrambe le parti hanno sottolineato che le attività aggressive della Russia nel Mar d’Azov hanno portato nuove minacce di sicurezza, economiche, sociali e ambientali all’intera regione del Mar Nero. ”

Con tutti questi rapporti preventivi e avvertimenti contro “provocazioni russe”, sembra che non sarebbe sorprendente se ci fosse stato un tentativo di una azione coordinata  per causare un incidente da parte del  presidente ucrainom Petro Poroshenko. Tuttavia, nel giudicare dalle reazioni degli Stati Uniti, della NATO e della UE fino ad ora, Poroshenko potrebbe aver ascoltato un consigliere sbagliato dalla sua parte, visto che il gioco sembrava essere fallito.

Fortunatamente, nessuna nave ucraina o russa è stata affondata e nessuno  ha perso la vita. Salvo alcuni feriti, l’incidente non è riuscito a suscitare uno scandalo molto grande, nonostante le misure iper-intraprese dall’Ucraina di fronte alla legge marziale.

Avrebbe senso che Poroshenko  abbia previsto che  le navi sarebbe state probabilmente distrutte, a giudicare dalle  rivendicazioni del 27 novembre ° . Tuttavia, è emerso che i russi hanno deciso di non essere sorprendentemente “aggressivi” come previsto.

Per creare una certa prospettiva – immaginate se una nave da guerra siriana si fosse  in qualche modo inserita in  “acque territoriali israeliane” – non sorprende che la nave sarebbe stata probabilmente distrutta immediatamente, senza fare domande. E il vortice dei media mainstream e la retorica degli Stati Uniti, della NATO e dell’UE sarebbero molto più tranquilli rispetto allo scenario Ucraina-Russia.

Fonte: South Front

Traduzione: Sergei Leonov