Mentre l’ultima tornata di colloqui a Ginevra si è conclusa in una situazione di stallo, la situazione si è rivelata ugualmente in netto contrasto con quello che i processi di pace a guida russa sono stati finora in grado di produrre in termini di creazione di una serie di zone di de-escalation, totalmente capaci di sconfiggere l’ISIS e procedere rapidamente verso una soluzione politica sostenibile. Il caos che la Siria  durato per quasi 6 anni non si è in gran parte calmato, ma i paesi che hanno creato quel caos in primo luogo continuano a rimanere ostinati nella loro opposizione a stabilire una vera pace in Siria, senza la quale non si può sperare di compiere progressi significativi su qualsiasi altro fronte, siano processi costituzionali o la questione di tenere nuove elezioni . Dopo i colloqui a Ginevra, il mediatore ONU  Staffan de Mistura ha detto che il fallimento è in gran parte dovuto al rifiuto della delegazione del governo siriano di negoziare con l’opposizione siriana. La delegazione siriana si era rifiutata di impegnarsi in colloqui a causa dell’insistenza dell’opposizione a rimuovere Assad dal potere.

Mentre è molto ironico vedere l’opposizione chiedere la rimozione di un regime che ha giocato un ruolo centrale nella sconfitta dell’ISIS, resta il fatto che la richiesta di rimozione non ha basi popolari, almeno non ci sono prove credibili a tal fine, ma che questa domanda rimane quella maggiormente richiesta dai principali sponsor esterni di questi gruppi di opposizione.

In quanto tale, nell’opinione di de Mistura che la richiesta di rimozione di Assad è stata “erroneamente” fatta è nascosta la vecchia agenda che aveva portato alla guerra in Siria. È ironico che de Mistura, il mediatore ‘responsabile’ delle Nazioni Unite, sembra aver completamente dimenticato che la richiesta di allontanamento è arrivata dall’opposizione siriana dopo che si erano incontrati a Riyadh sotto l’egida dell’Arabia Saudita. È stato in Arabia Saudita che i vari gruppi di opposizione della Siria si sono incontrati a novembre e l’Arabia Saudita ha svolto un ruolo fondamentale nella creazione di un “esteso” comitato di negoziazione, composto da 50 membri che hanno poi richiesto la rimozione di Assad dall’ufficio come una pre-condizione per la transizione.

Accrescendo ulteriormente la visione comune presentata dall’opposizione “allargata”, Ahmed Ramadan, un membro dell’opposizione del Consiglio nazionale siriano (SNC), ha affermato che “il messaggio (apparentemente rivolto alla Siria e ai suoi alleati) è che oggi  abbiamo una visione unificata quando si tratta di negoziati “.

E mentre l’Arabia Saudia ha appoggiato appieno l’unità dell’opposizione e le loro richieste, il mediatore Onu, che ha cercato di minimizzare come un “errore” la richiesta dell’opposizione per la rimozione di Assad, è stato in realtà un elogio alla Casa dei Saud per i suoi sforzi per ristabilire la pace in Siria. Poco prima dell’inizio dell’ultima serie di colloqui a Ginevra, de Mistura ha ringraziato, secondo l’agenzia di stampa statale saudita SPA, “il Regno dell’Arabia Saudita per la sua iniziativa e gli sforzi nella seconda riunione allargata dell’opposizione siriana, che è riuscita nell’unire l’opposizione e formare una delegazione allargata ai negoziati di Ginevra sulla Siria “.

Significativamente, la sua espressione di gratitudine è arrivata il 1 ° dicembre, quasi una settimana dopo che l’opposizione siriana aveva emesso la sua dichiarazione congiunta, chiedendo la rimozione di Assad dal potere, e de Mistura sembrava aver completamente “dimenticato” di ricordare all’Arabia Saudita e all’opposizione di l’ ‘”errore” che aveva commesso nella dichiarazione. Fu solo dopo la richiesta del governo siriano di riprendere la dichiarazione , ha fatto decidere  de Mistura a pensare  che la dichiarazione fosse solo un “errore” e, quindi, non doveva essere presa sul serio.

Ma mentre de Mistura diceva che la dichiarazione era stata emessa per errore. I principali sostenitori dell’opposizione siriana, l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti, non hanno trovato nulla di “sbagliato” con essa. Al contrario, il dipartimento di stato degli Stati Uniti ha elogiato la “partecipazione costruttiva” dell’opposizione siriana, che si è espressa in contrasto con “l’ostruzionismo e la procrastinazione” della delegazione del governo siriano.

È abbastanza evidente che la rinnovata richiesta di rimozione di Assad mira a infliggere un colpo mortale alle prospettive di un significativo progresso sulla pace a Ginevra. I gestori dei gruppi di opposizione non sono certo interessati a vedere i colloqui di Ginevra vincente perché ciò si rivelerebbe l’ultimo chiodo nella bara dei loro interessi in Siria, dove la Russia è già emersa come il principale mediatore di pace.

Ma negli sforzi degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita per sabotare la pace, c’è poca o nessuna speranza di successo. Con la guerra che sta rapidamente calando e con la ricostruzione del paese che sta gradualmente diventando la preoccupazione dominante, è solo una questione di tempo che un numero di altri attori esterni come Cina, Giappone e persino l’Europa facciano un passo avanti, rendendo tutto il più difficile per gli Stati Uniti e i sauditi nel perseguire il loro aspro e sconfitto programma di cambio di regime.

La Cina già prude a includere la Siria nella sua Belt & Road Initiative (BRI) come parte della propria politica per espandere la sua influenza in Medio Oriente. Il ministero degli Esteri cinese ha recentemente annunciato il proprio sostegno al governo di Assad e ha offerto sostegno su tre punti focali – antiterrorismo, dialogo e ricostruzione – per risolvere la questione siriana come “la situazione in Siria si sta trasformando in una nuova fase”. Il 21 novembre, Cina consegnato 1.000 tonnellate di riso alla Siria come parte del suo piano di aiuti alimentari sotto la BRI. Secondo i  media statali cinesi, la Cina ha già firmato tre accordi con il governo siriano per fornire aiuti umanitari alla Siria per oltre $ 40 milioni nella prima metà del 2017.

Mentre il nesso USA-Sauditi è ancora aggrappato alla sua vecchia agenda, il modo in cui si sta svolgendo il gioco finale in Siria lascerà questo nesso con poche o nessuna possibilità di manipolare l’assetto politico finale. Già un certo numero di gruppi di opposizione, compresi i curdi, si sono uniti al processo di pace guidato dalla Russia a Sochi e Astana. È quindi solo una questione di tempo che l’opposizione “allargata” dell’Arabia Saudita inizierà a sentire il calore della riconciliazione raggiunto altrove. Solo la paura di essere lasciati fuori da qualsiasi accordo futuro li spingerà ad adottare un approccio pragmatico più realistico.

Salman Rafi Sheikh, analista di ricerca di Relazioni internazionali e affari esteri e interni del Pakistan, esclusivamente per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

Collegamento sorgente