Il presidente della Russia Vladimir Putin ha inaugurato un ponte stradale e ferroviario che collega la Russia meridionale alla penisola di Crimea, guidando lui stesso un pesante camion.

Putin, al volante di un camion da trasporto, ha guidato per 19 chilometri, il martedì, sulla sezione automobilistica del ponte stradale e ferroviario costruito sullo stretto di Kerch, che è attualmente il più lungo in Europa.

“Alla fine, grazie al vostro duro lavoro, al vostro talento, a questo progetto, questo miracolo è accaduto”, ha detto Putin alla folla di lavoratori riunitisi per l’occasione. Più tardi, il Presidente è stato accolto da operai esultanti dall’altro lato del ponte.

“Voglio congratularmi sinceramente con questo straordinario, festoso e, nel pieno senso della parola, giorno storico”, ha detto Putin ai lavoratori al loro arrivo dal lato della Crimea. “In diverse epoche storiche, anche sotto lo zar, la gente ha sempre sognato di costruire questo ponte”.
Il presidente si riferiva all’ultimo zar della Russia, Nicola II, che per primo propose un tale ponte; ma lo scoppio della prima guerra mondiale aveva impedito allora di procedere al piano per mandare avanti l’opera.

Il ponte dovrebbe essere completato entro la fine del 2018, ma è stato crealizzato sei mesi prima del previsto e si apre ufficialmente al traffico il prossimo mercoledì.

Essendo questo l’unico collegamento stradale diretto tra Mosca e la penisola, il ponte ha un’altra sezione per i treni, che verrà inaugurata il prossimo anno. Il progetto, che è costato $ 3,69 miliardi, sarà in grado di gestire 40.000 auto al giorno e ridurre la dipendenza della Crimea dal trasporto marittimo.

Il Ponte fra Crimea e Russia

Rabbia contro il ponte del Governo ucraino

La costruzione del ponte ha tuttavia provocato la rabbia in Ucraina, nel governo fantoccio di Kiev, negli Stati Uniti e in altri paesi occidentali. L’Occidente afferma che la Russia ha “annesso” il territorio ucraino della Crimea quando era scoppiata la crisi nell’Ucraina orientale nel 2014.

Anche i paesi occidentali accusano la Russia di avere posto la sua mano nella crisi nell’Ucraina orientale. Mosca nega l’accusa e la ribalta a Washington e Londra che hanno sobillato il golpe di Maidan a Kiev.

Il presidente ucraino Petro Poroshenko ha accusato Mosca di aver costruito illegalmente il ponte, che ha etichettato come “l’ultima prova del disinteresse del Cremlino per il diritto internazionale”. (Nota: Al contrario gli USA e la NATO hanno dimostrato molta ” attenzione” al diritto internazionale, come avvenuto in Libia, in Iraq e nella ex Jugoslavia)

La portavoce della politica estera dell’Unione europea (UE), Federica Mogherini, ha anche affermato che la costruzione del ponte “costituisce un’altra violazione della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina da parte della Russia”.

In una dichiarazione, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che “la Crimea fa parte dell’Ucraina” e ha accusato Mosca di cercare di consolidare il suo “sequestro illegale e la sua occupazione” collegando il paese alla Crimea.

“La costruzione in Russia del ponte serve a ricordare la costante volontà della Russia di sottrarsi al diritto internazionale”, ha detto la portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert nella dichiarazione.
Questa ha detto che “gli Stati Uniti hanno condannato la costruzione e l’apertura parziale del ponte fatta dalla Russia” , che secondo lei è stata effettuata “senza il permesso del governo dell’Ucraina”. (Il referendum celebrato in Crimea che ha decretato l’integrazione della Crimea alla Russia, per Washington non conta nulla).

Nauert ha anche avvertito che tutte le sanzioni USA relative alla Crimea su Mosca “rimarranno in vigore fino a quando la Russia non restituirà il controllo della penisola all’Ucraina”. Putin ha già ribadito più volte che la Crimea è parte integrante della Russia e che questa risponderà a qualsiasi tentativo di aggressione.

Gli Stati Uniti e i governi occidentali hanno imposto turni di sicurezza e sanzioni economiche alla Russia sulla Crimea.

Fonte: RT News.com

Traduzione e sintesi: Sergei Leonov

via Controinformazione