Se gli Stati Uniti ritengono di dover avere armi che sono ora soggette al trattato sull’eliminazione dei missili a media e bassa gittata (INF), la Russia farà la stessa cosa, ha dichiarato ai giornalisti il ​​presidente russo Vladimir Putin.

Il presidente ha ricordato che nel 2002 gli Stati Uniti si ritirarono unilateralmente dal Trattato sui sistemi di contraerea anti-missili balistici, uno dei capisaldi della sicurezza internazionale nel suo complesso.

“Tuttavia non hanno avuto remore e sono usciti con tranquillità, a proposito senza far alcun riferimento e appena usciti la questione è finita. Ora succede la stessa cosa, ma pensano a chi scaricare la colpa di questo passo a mio avviso avventato”, — ha detto Putin.

Allo stesso tempo ha definito in linea di principio comprensibili gli argomenti secondo cui solo gli Stati Uniti e la Russia non producono armi che rientrano nelle disposizioni del Trattato INF.

“Questo è vero, anzi, molti altri Paesi, circa una decina, probabilmente producono questi armamenti, mentre la Russia e gli Stati Uniti si sono limitati a livello bilaterale. Ora, a quanto pare, i nostri partner americani credono che la situazione sia cambiata così tanto che gli Stati Uniti dovrebbe avere un’arma del genere: quale sarà la risposta da parte nostra? Sì, è semplice: agiremo allo stesso modo”, ha concluso il capo di Stato russo.

via Sputnik