La Russia non ha trovato segni dell’uso di armi chimiche nella città di Duma in Siria, ma ha trovato i “partecipanti alle riprese della messa in scena dell’attacco” ha dichiarato il rappresentante permanente della Russia presso l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC) Aleksandr Shulgin.

“Non abbiamo trovato nessun segno dell’uso di armi chimiche a Duma sulla base delle nostre,  sottolineo, indagini nazionali. Non abbiamo trovato nessun testimone, nessun avvelenato negli ospedali. Non abbiamo trovato nessun resto di munizioni di armi chimiche. Però abbiamo trovato i partecipanti diretti alle riprese del video della messa in scena dell’attacco, che è stato presentato come la “prova” dell’uso di armi chimiche” ha detto Shulgin lunedì, parlando ad una riunione del consiglio esecutivo dell’organizzazione all’Aia, riporta Sputnik.

Un bambino tra le strade di Douma
© AFP 2018 / HASAN MOHAMED

In precedenza, l’Occidente ha accusato Damasco aver condotto una attacco con armi chimiche nella città siriana di Duma in Ghouta orientale. Mosca ha confutato le informazioni sulla bomba al cloro presumibilmente lanciata dall’esercito siriano. Il Ministero degli Esteri russo ha dichiarato che l’obiettivo del nuovo rilancio del tema dell’uso di sostanze chimiche da parte delle truppe siriane è quello di proteggere i terroristi e giustificare eventuali attacchi da potenze esterne al conflitto.Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia il 14 aprile hanno attaccato le strutture del governo siriano che ritenevano fossero state utilizzate per produrre armi chimiche. Dalle 4.42 alle 6.10 dell’ora di Roma sono stati lanciati oltre 100 missili in Siria, la maggior parte dei quali sono stati abbattuti dalla difesa aerea siriana. Le forze russe non sono state coinvolte, ma hanno monitorato tutti i lanci. Il presidente russo Vladimir Putin ha definito gli attacchi un atto di aggressione contro uno stato sovrano, nonostante il fatto che non gli esperti militari russi, né i residenti locali abbiano confermato l’effettivo uso di armi chimiche, che è diventato un pretesto per gli attacchi.

via Sputnik