“Se lo volessero, i russi occuperebbero rapidamente l’Ucraina”: l’esperto ha spiegato le parole del Primo Ministro della Polonia riguardo al Nord Stream – 2

di  Ilya Muromsky

Un portavoce del presidente della Federazione Russa, Dmitrij Peskov, ha definito il recente annuncio del Primo Ministro polacco sul Nord Stream – del tutto 2 infruttuoso.

Alla vigilia dell’incontro con la Merkel,  primo ministro polacco Mateusz Moravetsky , parlando ad Amburgo, ha affermato che la Federazione Russa potrebbe “lanciare un’offensiva in Ucraina” dopo il varo del gasdotto. Secondo lui, l’”escalation di aggressione” nei confronti di Kiev potrebbe seguire quando il GTS ucraino smetterà di giocare “un ruolo così importante” per la Russia.

Nord Stream 2 è un progetto commercialmente valido ed economicamente valido. Inoltre, è economicamente interessante non solo per il fornitore, ma anche per i destinatari di questo gas in Europa, primo fra tutti in Germania “, ha sottolineato Peskov.

Se la Russia  lo vuole, potrebbe occupare rapidamente l’Ucraina: l’esperto ha  spiegato  le parole del Primo Ministro polacco sull’agenzia di stampa nord Stream-2 /

Il portavoce di Mosca, Dmitry Peskov ha sottolineato che il consumo di gas in Europa è in crescita ed è l’alternativa alle materie prime di altre provenienze, visto che  – il LNG americano – è significativamente più costoso.

“Tali insinuazioni, come quelle che hai citato, rientrano probabilmente dalla categoria dei tentativi di politicizzare il progetto … Sentiamo minacce dirette a questo progetto da parte degli  Stati Uniti d’America. Questo non è altro che una manifestazione di concorrenza sleale e un tentativo di costringere gli europei ad acquistare il gas americano più costoso che non è redditizio per loro “, ha concluso il portavoce.

“Le autorità di Kiev hanno intimidito i loro cittadini a più riprese”
Il direttore del Centro per gli studi geopolitici dell’Istituto per lo sviluppo innovativo, Dmitry Rodionov, in un’intervista con FAN, ha definito la dichiarazione di Moravetsky una “assurdità completa”.

“Questo deriva dalla stessa serie di dichiarazioni per cui la Russia attaccherà la Polonia o alcuni Stati baltici. Perché? Sì, proprio così. Non possono spiegarlo. Non hanno bisogno. Hanno  creato la paura  nei loro cittadini fino al singhiozzo con la “minaccia russa”, quindi è sufficiente dire “Putin attaccherà!” Ad alta voce, e tutti ci credono come allocchi. E pensare a qual è il punto: qualcuno in uno stato di paura viene in mente altro? E qui non è chiaro – perché adesso?

Se avressero voluto attaccare – avrebbero attaccato nel 2014. E se c’era un tale obiettivo – era allora che valeva la pena farlo. Tutto il sud-est avrebbe incontrato le truppe russe con fiori e Kiev non avrebbe avuto il tempo di rinsavire, e poi il nuovo Maidan dell’Ucraina non aveva un esercito a tutti gli effetti “, ha spiegato lo scienziato politico.

Quindi, l’esperto ha osservato che “i carri armati russi sarebbero a Kiev in tre giorni e a Lvov in cinque giorni”. Questo è riconosciuto dagli “esperti” ucraini e dagli stessi politici.

“E non c’è dubbio che non sarebbe accaduto nulla al gasdotto, come nel caso delle raffinerie di Grozny nel 1994-1995 – non un singolo proiettile è caduto su di loro. Ma c’è stato un vero massacro.

Se lo volessero, occuperebbero rapidamente l’Ucraina, mettendo i tubi sotto protezione e vendendo gas all’Europa allo stesso modo.

Il gasdotto North Stream

Pensi che l’Europa si rifiuterebbe di comprare per protesta? Sì, dove andrebbe? Questa è la stessa Polonia che chiede un anno per protestare contro l’abbandono del gas russo, ma che dire? Se nel 2014 si è acceso un forte dibattito sul tema “inviare truppe o meno”, oggi sarebbe sicuramente un passo stupido. E i gasdotti non hanno nulla a che fare con questo “, ha spiegato Rodionov.

Se lo volessero, i russi occuperebbero rapidamente l’Ucraina: l’esperto ha spiegato le parole del Primo Ministro polacco sull’agenzia di stampa a proposito nord Stream-2 /

Così, sottolinea l’esperto, la dichiarazione di Moravetsky non è altro che un tentativo di ravvivare di nuovo sulla “minaccia russa” per rimettere in linea  in qualche modo l’argomento che ha iniziato a morire – la necessità di fermare la costruzione di Nord Stream 2 ad ogni costo. Questo, a quanto pare, è richiesto da loro dai curatori americani, che saranno le uniche “vittime” nel caso di una fermata del transito attraverso l’Ucraina.

“L’unica cosa alla quale probabilmente varrebbe la pena prestare attenzione è il fatto che Moravetsky ha dato voce a una” bici “un po ‘dimenticata che è in funzione dal 2014. Cioè, semplicemente non riescono a pensare a nulla di nuovo, usano già i trucchi che vengono giocati per la decima volta.

Tali affermazioni suggeriscono che l’Occidente ha già accettato il fatto che “SP-2” funzionerà in tempo e continuerà a imitare la resistenza solo di facciata. Ma in qualche modo troppo pigramente “, ha sintetizzato Dmitry Rodionov.

In Germania, hanno spiegato all’Ucraina perché non sarebbero stati in grado di abbandonare il “Nord Stream – 2”. Non è chiaro però se le autorità di Kiev lo abbiano capito. Loro ci tengono ad agitare un clima di paura della Russia in Europa.

Fonte: Riafan.ru

Traduzione: Sergei Leonov