Il centro di ricerca di Barzeh, in cui il Pentagono ha lanciato 57 Tomahawk e 19 missili AGM-158 JASSM serviva come Istituto di ricerca universitario , in esso svolgevano studi gli studenti che dovevano prepararsi al dottorato. Inoltre il sito era diventato l’unico centro farmacologico rimasto in attività nel paese capace di produrre farmaci tumorali , dopo le sanzioni occidentali. 

Istituto di studi scientifici e Research Center siriano (lo SSRC o CER) di Barzeh, a Damasco

Il Centro è stato istituito nel 1969 con l’assistenza dell’agenzia di ricerca Francia. Secondo i dati ufficiali delle istituzioni statali in Medio Oriente, il CER era impegnato in applicazioni di ricerca e di ingegneria nelle seguenti aree:

– l’elaborazione dei segnali,
– reti di telecomunicazione,
– computers
– energia solare,
– chimica e inquinamento batteriologico dei fiumi,
– trattamento delle acque reflue e la costruzione impianti di trattamento delle acque reflue,
– plastica,
– lubrificanti e sistemi meccanici altamente efficaci
– sistemi di intelligenza artificiale.

Era anche la principale istituzione scientifica siriana, impegnata nella cooperazione con “istituzioni scientifiche arabe, regionali e internazionali” e impegnata nella ricerca tecnica ed economica per organizzazioni private e pubbliche in Siria.
Fino al 1992, il governo francese ha continuato a incoraggiare le aziende che si occupavano di  ad alta tecnologia in Francia di collaborare con il CERS.
Negli anni precedenti il CERS era stato utilizzato per scopi civili e militari.

Ma in una conferenza stampa, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Jim Mattis e Marine Joseph Dunford 13 Apr 2018 aveva dichiarato che il centro era utilizzato utilizzato  per la ricerca, lo sviluppo, la produzione e la sperimentazione di armi chimiche e biologiche.

Questo è palesemente falso: tre settimane fa,  l’Organizzazione per la Proibizione delle armi chimiche (OPCW)  aveva concluso che non sono state sviluppate armi chimiche o biologiche, testate o  prodotte nel sito . ( Relazione della Commissione sulla OPAC 2018/03/23, l’ )

La precedente relazione della OPCW  del  14-21 novembre 2017 aveva portato alla conclusione che le analisi dei campioni prelevati durante le ispezioni, non indicavano la presenza di sostanze chimiche nei campioni stessi, e la squadra d’ispezione non aveva osservato alcun azione incompatibile con gli obblighi previsti dalla Convenzione durante il secondo turno di ispezioni presso lo stabilimento di Barzeh .

Estratti dal rapporto della OPCW su 23/03/2018

Come indicato nelle precedenti relazioni, i prodotti chimici, erano stati rimossi  dal territorio della REpubblica Araba Siriana  nel 2014. Ma Barzeh è stata distrutta ugualmente contro ogni evidenza. è ora distrutta.

I risultati delle ispezioni appena terminati erano stati presentati febbraio  come un addendum (CE-87 / DG.15 / Add.1 del 28 Febbraio 2018) della relazione, dal titolo “Stato di attuazione delle soluzioni del comitato esecutivo di EC-83 / DEC.5 (dall’11 novembre, 2016”) (EC-87 / DG.15, del 23 febbraio 2018).

“L’analisi dei campioni prelevati durante i controlli non indicano la presenza delle sostanze chimiche necessarie nei campioni, e la squadra d’ispezione non ha osservato alcuna azione in contrasto con gli obblighi della Convenzione nel secondo ciclo di ispezioni presso Barzeh e Jamrayah .”

via Vietato Parlare