A distanza di una settimana dall’attacco chimico di Douma il mondo attende col fiato sospeso il raid atlantico sulla Siria, capace di innescare una reazione a catena che si propagherebbe prima alla regione e poi all’Europa. Sulla natura dell’episodio incriminato il ministro degli Esteri russi non ha dubbi: “ci sono inconfutabili prove che sia opera di un servizio segreto di un Paese in prima linea nella campagna antirussa”. La provocazione di Douma è infatti opera del Secret Service inglese, cui è direttamente riconducibile l’organizzazione dei White Helmets: Londra, storica sede dell’establishment liberal, è il bastione della russofobia e non si fa scrupoli a trascinare l’Occidente in guerra pur di conquistare l’Hearthland.

La moderna geopolitica nacque a Londra…

G20 di San Pietroburgo, primi giorni del settembre 2013. Il mondo attende di conoscere con ansia gli sviluppi dell’attacco chimico avvenuto il 21 agosto ed imputato a Damasco: l’episodio, costato la vita ad un numero imprecisato di civili e perpetrato materialmente dai servizi sauditi1, rischia di sfociare in un intervento militare occidentale, foriero di drammatiche ricadute internazionali. A margine del G20, i media registrano un’esternazione del portavoce ufficiale di Putin, Dimitri Peskov: “L’Inghilterra è solo una piccola isola, nessuno gli presta attenzione2”. Nonostante l’affermazione sia prontamente smentita, la reazione scocciata di David Cameron è immediata e denota lo scadimento delle relazioni anglo-russe sull’onda della crisi siriana.

Primavera del 2018, a distanza di cinque anni, il mondo si trova in una situazione pressoché analoga: è l’attacco chimico avvenuto sempre a Ghouta il 7 aprile ed imputato ancora a Damasco. Essendosi completamente ribaltata la situazione militare grazie all’intervento russo-iraniano (l’attacco chimico ha preceduto infatti di pochi giorni la riconquista di Ghouta, ultima roccaforte dell’insurrezione a ridosso della capitale), l’apprensione internazionale è persino maggiore del 2013, perché sarebbe un interventocontro Mosca e Teheran: esaurita la “guerra per procura”, causa sfinimento degli insorti, il conflitto farebbe quindi un salto di qualità, passando a scontro diretto tra Russia e Occidente. Sull’episodio incriminato, di cui i russi avevano raccolto informazioni e parlato già con largo anticipo3, ha discusso anche il ministro degli Esteri Sergei Lavrov . Il 13 aprile, in termini molto crudi, ha asserito: “ci sono inconfutabili prove che sia opera di un servizio segreto di un Paese in prima linea nella campagna russofobica4”.

Il riferimento alla “campagna russofobica” rimanda immediatamente all’Inghilterra che, attraverso il maldestro avvelenamento col gas nervino dell’ex-spia Sergej Skripal e della figlia, è riuscita a creare una crisi diplomatica senza precedenti tra la Russia e l’Occidente: 23 diplomatici russi allontanati dal Regno Unito, 60 negli Stati Uniti ed una raffica di espulsioni anche nell’Europa continentale. Che siano davvero i servizi inglesi responsabili dell’attacco del 7 aprile a Douma, come affermato dai russi? Se fossi così, l’Inghilterra sarebbe responsabile di un sistematico sabotaggio delle relazioni tra Russia ed Occidente, basato sul feticcio delle “armi chimiche”. Di più, sarebbe la spregiudicatissima regista di una manovra per portare i due schieramenti alla guerra.

Cerchiamo qualche indizio. Come è ben visibile dalla foto sottostante, pubblicata in un articolo del New York Times datato 8 aprile5, tutto il materiale relativo alla presunta strage di Douma (si parla di una quarantina di vittime) è stato prodotto dall’organizzazione umanitaria “Difesa Civile Siriana”, meglio nota come “White Helmets”parliamo della ong che nel 4 aprile 2017 inscenò l’attacco chimico nella provincia di Idlib, poi culminato col blitz missilistico americano sulla base aerea di Shayrat. Ebbene, il fondatore dei White Helmets, neppure troppo occulto considerato che rilascia interviste ai media per vantare il proprio operato6, è tale James Le Mesurier, cittadino britannico. Se Le Mesurier afferma di “avere un background nei processi di stabilizzazione, di lavorare in Medio oriente da circa vent’anni, di essere stato presente in zone di conflitto in tutto il medio oriente e di essere in Siria dal 2011” (data di inizio dell’insurrezione islamista), di lui si sa anche che è stato formato alla Royal Military Academy e che ha lavorato nei servizi d’informazione durante la campagna NATO in Kosovo7. James Le Mesurier è, in sostanza, un agente del Secret Intelligence Service, ed ha perciò ragione Lavrov ad imputare a Londra la crisi di questi giorni.

Benché sia comodo riferirsi genericamente alla “CIA” quando si parla di operazioni sporche in ambito NATO, non c’è alcun dubbio che per preparazione, conoscenza dell’Eurasia e visione politica, il servizio segreto inglese sia nettamente superiore a quello americano: la vulgata vuole che sia nato nel 1909, ma in realtà risale alle origini dell’Inghilterra “moderna”, quando comparvero la Banca d’Inghilterra (1694) e la massoneria speculativa (1717): parliamo quindi di un’organizzazione che ha tre secoli di vita, durante cui ha accumulato una notevole conoscenza in qualsiasi tipo di operazioni sporca, congiura, assassinio, rivoluzione, controrivoluzione, guerra psicologica e guerra convenzionale. Soprattutto il Secret Service è il braccio armato di quell’establishment liberal che, pur essendo diviso tra Londra e New York (il binomio Chatham House e Council on Foreign Relations), ha pur sempre la storica sede in Inghilterra: la politica dell’impero angloamericano (si pensi soltanto negli ultimi anni alle Primavere Arabe, al sostegno alla Fratellanza Mussulmana, alla nomina a pontefice di Jorge Mario Bergoglio, alla vicenda dei Rohingya, alla tentativi di destabilizzare il sud-est asiatico, etc. etc.) è ancora fatta essenzialmente a Londra e, perciò, appaltata ai servizi segreti inglesi.

L’establishment liberal, dominando il mondo dalle isole (il Regno Unito ed il continente americano) è intrinsecamente russofobico: nell’impero russo Londra vede quella potenza continentale capace di abbracciare tutta l’Eurasia, dal Mar Baltico al Golfo Persico, dalla Siberia alle pianure dell’Europa centrale, vanificando la penetrazione delle potenze marittime che, al contrario, partono dal mare in direzione della massa terreste. La moderna geopolitica nasce a Londra a inizio Novecento con Halford Mackinder e si basa proprio sulla dialettica Terra-Mare: contro l’Herthland, ieri l’impero zarista, poi l’URSS ed infine la Federazione Russa, l’oligarchia atlantica mobilita da secoli tutte le sue energie, compresiovviamente i servizi segreti.

Si è parlato del caso Skripal, ma come non ricordare, rimanendo soltanto alla storia recente, al sostegno inglese dato all’insurrezione islamista in Cecenia, attraverso i soliti sauditi? E l’infamante omicidio della giornalista della Anna Politkovskaja, che aveva costruito le proprie fortune denunciando i crimini della in Cecenia? Nella primavera del 2006 la Politkovskaja si incontra in Inghilterra con l’ex-agente sovietico Alexander Litvinenko, al soldo del MI68 (si notino le analogie col caso Skripal): nell’arco di sei mesi muoiono entrambi, una per colpi d’arma da fuoco a Mosca e l’altro avvelenato a Londra. Il mandante, secondo la stampa inglese, è ovviamente Vladimir Putin, impegnato nella faticosa ricostruzione della Russia dopo i disastri dell’era Eltsin. Nel 2014 troviamo i servizi segreti inglesi tra i nazionalisti ucraini che rovesciano il governo filorusso9 ed è ancora un ex-agente dell’MI6, Christopher Steele, che confeziona per conto dei democratici il dossier sui “compromettenti legami” tra Donald Trump e la Russia.

Il grosso dell’imminente intervento militare contro la Siria sarà sostenuto dagli Stati Uniti, ma ancora una volta emerge come la strategia antirussa del blocco atlantico, basata sulla geopolitica di Mackinder, sia studiata a Londra, moderna Cartagine contro la Terza Roma.

1https://www.rt.com/news/syria-sarin-saudi-provocation-736/

2https://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/russia/10290243/Russia-mocks-Britain-the-little-island.html

3https://sputniknews.com/middleeast/201804121063496909-gerasimov-predicts-douma/

4https://www.afp.com/en/news/826/syria-chemical-attack-staged-help-foreign-secret-service-russia-doc-13z72l3

5https://www.nytimes.com/2018/04/08/world/middleeast/syria-chemical-attack-ghouta.html

6https://www.ilfoglio.it/esteri/2016/10/05/news/intervista-all-addestratore-inglese-dei-caschi-bianchi-in-siria-104899/

7https://www.mintpressnews.com/james-le-mesurier-british-ex-military-mercenary-founded-white-helmets/230320/

8http://www.bbc.com/news/uk-31096849

9https://www.independent.co.uk/news/world/europe/ukraine-crisis-mercenaries-m16-and-ready-meals-evidence-of-western-involvement-or-something-far-less-9322948.html

L’articolo Supremazia inglese: come il Secret Service sta conducendo la campagna antirussa proviene da Federico Dezzani – Blog.